Cos'è PEPPOL

AGID coordina le attività finalizzate all’adozione dell’e-Procurement nel settore pubblico e definisce le regole tecniche per l’interoperabilità dei sistemi coinvolti.

Con la Circolare n. 3 del 6 dicembre 2016 che definisce le Regole tecniche aggiuntive per garantire il colloquio e la condivisione dei dati tra i sistemi telematici di acquisto e di negoziazione, AGID ha introdotto PEPPOL come architettura di riferimento per garantire l’interoperabilità nell’e-Procurement pubblico.

Come funziona PEPPOL?

Il Pan-European Public Procurement On-Line (PEPPOL) si basa su un’architettura 4 corner che interconnette i soggetti che si scambiano documenti in una delle fasi dell’e-Procurement. I 4 corner rappresentano nello specifico:

  • Corner 1: il mittente del documento
  • Corner 2: l’Access Point (AP) PEPPOL a cui è connesso il mittente
  • Corner 3: l’AP PEPPOL a cui è connesso il destinatario
  • Corner 4: il destinatario del documento

Le interazioni tra i 4 corner sono raffigurate nell’immagine in calce, dove il Service Metadata Publisher (SMP) è il nodo che consente di individuare l’Access Point su cui è registrato il destinatario e di verificare la sua reale disponibilità a ricevere una particolare tipologia di documento (ad esempio, Ordine o Fattura nel formato PEPPOL).

Come funziona PEPPOL